Purse.io ora è chiuso

Anni fa scrissi recensioni entusiastiche su Purse.io, ma poi non ho più continuato. Perché? Il motivo è probabilmente lo stesso del perché in questo momento sta chiudendo i battenti.

Ho fatto il mio primo ordine con loro nel novembre del 2014, ed è stato quasi perfetto, ma poi ho smesso di usarli, perché il tasso di riempimento era basso: non erano molti gli acquirenti disposti a perdere il 15-20% del valore per ottenere dei bitcoin. Ci ho poi riprovato anni dopo, nel 2016.

Ho subito sentito che qualcosa non andava. Se nel 2014 Ho dovuto scegliere uno sconto basso per poter completare il mio ordine, nel 2016 gli acquirenti hanno accettato QUALSIASI sconto. Tanto per divertirmi, ho impostato un ordine per un aspirapolvere con il 40% di sconto, pensando “in ogni caso nessuno lo comprerà”, ma è stato eseguito immediatamente. Qualcuno era felice di pagare 200 euro per ottenene 120, in Bitcoin. Strano, vero?

Nei giorni successivi, un altro ordine con un librino scolastico è stato accettato, con un forte sconto.

Guardando le ricevute nei pacchetti, ho notato che qualcosa non andava. L’acquirente era lo stesso, ma il conto su Amazon era diverso. Uno è stato inviato da Amazon Francia, come regalo da un tizio con un nome francese, un altro è stato inviato da Amazon Italia, come regalo da un tizio con un nome italiano. Entrambi spediti con spedizione immediata!

Questo mi ha fatto subito suonare un allarme! Ho contattato Purse:

Ma per loro non c’era niente di sbagliato. L’acquirente ha risposto con una scusa del tipo “Ho ricevuto una carta regalo su amazon.fr, quindi ho creato un account per usarla”, e l’ha fatta franca.

Così, nel settembre 2016 ho smesso di usarli, di nuovo. Più tardi, all’inizio del 2017, mi hanno inviato un’e-mail, affermando che ora la sicurezza è molto migliorata, e non solo si affidano ai controlli di sicurezza di Amazon, ma controllano anche i loro acquirenti.

Ora, se pensate alla sicurezza di Amazon… se comprate qualcosa con Prime alle 18.00, per esempio, la consegna avverrà il giorno dopo, al mattino. Semplicemente non c’è tempo per annullare l’ordine se il proprietario della carta o del conto contesta l’addebito! E quando si aggiunge una nuova carta? Non conosco Amazon.com, ma su Amazon Italia chiedono solo le cifre frontali, la scadenza, e basta! Niente CVV2, nessuna conferma del codice di addebito, nessun codice OTP.

Se un truffatore è entrato in possesso di qualche credenziale di Amazon, può effettuare il login, aggiungere un nuovo indirizzo, inviare qualcosa lì, e il proprietario originale dell’account noterà qualcosa di sbagliato diversi giorni dopo la consegna!

Per qualche ragione però ho creduto nel loro nuovi sistema, in quanto hanno dichiarato di aver acquisito una tecnologia leader nella prevenzione delle frodi, così nel marzo 2017 ho ordinato un film in DVD..

Tutto sembrava a posto.

Poi, qualche mese dopo, l’aspirapolvere che avevo comprato l’anno prima si è rotto. Ho contattato il supporto di Amazon per sostituirlo, ma non ci sono riuscito! Visto che hanno avuto una frode su questo articolo, il conto è stato bloccato.

Non potevo più fidarmi di Purse.io e ho smesso di usarlo. Forse su Amazon.com era più sicuro da usare, perché ci sono molte persone che vengono pagate con i coupon di Amazon.com dopo aver fatto lavori su Mechanical Turk.

Così ho pensato che fosse finita. Non lo era. Giugno 2017. Mi contattano i Carabinieri per indagare sul mio ultimo ordine di Purse.io.

Ho mostrato loro tutte le mie email di Purse.io, come mi hanno fatto credere che fosse legittimo al 100% e che ho fatto l’acquisto in buona fede. Sono dovuto andare in caserma per fare una controdenuncia, sono stato interrogato per circa un’ora.

Qualche mese dopo, Purse.io ha annunciato che solo gli ordini su Amazon.com sarebbero stati accettati, rimuovendo il supporto per altri siti regionali.

Spot & Go non paga più?

Poco più di un anno fa avevo scritto di Spot&Go. Avevo visto la mia vicina di casa con un’auto nuova, con queste scritte pubblicitarie (sempre e solo di Spot&Go, mai di altre ditte)

Incuriosito, ho subito cercato di avere anch’io “un’auto a costo zero”, per poi capire per bene come funziona.

Per chi non li conosce, in pratica l’idea di base funziona così:

  1. Compri una macchina nuova da concessionari affiliati al circuito, pagandola il prezzo di listino (normalmente i concessionari fanno diverse migliaia di euro di sconto, a seconda del modello, specialmente se Km 0)
  2. Paghi 6000 euro a Spot&Go, come “spese anticipate di cambio wrapping adesivo”, perché in teoria ogni mese lo sponsor sulla macchina dovrebbe cambiare.
  3. Spot&Go ogni mese dovrebbe effettuarti un bonifico che copre interamente il canone del leasing.

Ma che succede se Spot&Go fallisce? Il capitale sociale di circa 30000 euro può coprire a malapena 2 clienti. In teoria tutto è coperto da una fidejussione, ovvero una garanzia “se loro non pagano, pago quest’altro soggetto”. Il problema è che questa fidejussione non è stata emessa da una banca italiana, ma da una cooperativa sociale che non ha assolutamente le risorse finanziarie per coprire tutti i clienti. Quindi il valore è zero.

Quindi, quello che sembra accadere (ma, non essendo un loro cliente, non ho nessuna certezza che accada), è che vengano utilizzati i 6-7000 euro che i nuovi iscritti versano all’inizio per pagare le rate dei vecchi iscritti. Il tutto prosegue finché le entrate dei nuovi iscritti non sono più sufficienti a coprire le spese dei vecchi.

Da novembre 2018 non ho mai visto l’auto della mia vicina con uno sponsor. Ogni tanto è cambiata la livrea, con una “più moderna”, ma comunque niente. Cercando su Instagram l’hashtag #mondoacostozero si notano lavori come questo:

https://instagram.ffco3-1.fna.fbcdn.net/v/t51.2885-15/e35/77118544_2515899371979039_5444817003916836732_n.jpg?_nc_ht=instagram.ffco3-1.fna.fbcdn.net&_nc_cat=103&_nc_ohc=71Gr_1LeXjoAX_JDIBy&oh=4bbeae34fa171da8822cba066a82be96&oe=5E9DFB2A
Fonte: https://www.instagram.com/p/B5w9LwuKmj9/

Dove è chiaro che la qualità dell’adesivo che applicano è ben lontana dai migliaia di euro chiesti in anticipo per il “wrapping”.

Comunque, oggi ho notato che la mia vicina ha rimosso completamente tutti gli adesivi.

Sembrerebbe quindi che non paghino più. Sulla pagina Facebook, sono in tanti quelli arrabbiati…

Fondi bloccati su Poloniex

Ieri sono entrato su Poloniex per vedere che succede su quei pochi spicci che ho investito in criptovalute (Ethereum, qualche euro di Pascal e 400 DOGE).

Mi viene detto che devo dare nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, le scansioni della carta d’identità + un selfie.

Mi girano le palle a 2000: mi tocca fornire una quantità impressionante di dati personali per ritirare pochi spiccioli!!!

Alla fine obbedisco, e invio tutti i miei dati. Oggi la sorpresa: l’account è bloccato finché non invio un selfie con un foglio di carta che dice Poloniex e la data di oggi!

Ma che??? Che ci sia odore di truffa? Finché non gli mando questo selfie, non posso prelevare niente…

Bravolinks “vende” i dati degli utenti?

Quando mi sono registrato a bravolinks, ho creato una mail apposita, impossibile da indovinare, in modo da sapere immediatamente se avessero venduto i miei dati personali (ricordo che se si vuole ricevere un pagamento è necessario fornire tutti i dati reali, inclusa copia dei documenti d’identità)

Ed ecco qua, sulla mail “segreta”, ricevo pubblicità da miadieta.it – sito mai visitato in vita mia

 

Facendo una veloce indagine, entrambi i siti sono registrati dalla stessa ditta.

Guardando i termini e condizioni, all’articolo privacy non mi pare che venga chiesto il consenso a ricevere informazioni commerciali, ma magari era scritto da qualche altra parte. Non essendo più membro, non posso più entrare nel sito a controllare. Essendo la stessa ditta, dal punto di vista tecnico NON hanno venduto i miei dati a terzi, però nascondere l’origine in questo modo…

Ora clicco su “cancellami” e vediamo che succede.

Neobux è solo una perdita di tempo

Con Neobux si sanno un sacco di soldi!!!11

Avrete sicuramente letto una frase del genere su altri siti (perché vi vogliono prendere come referral diretti). La verità è che è solo una perdita di tempo. I referral fanno un’attività giornaliera che non è sufficiente a coprire il costo dell’affitto. Il riciclo automatico dei referral inattivi avviene dopo 14 giorni ma… guarda che “coincidenza”, al tredicesimo giorno ricominciano ad essere attivi, per poi smettere il giorno dopo!!!! SEMPRE così????? Possibile?

Ho scritto sul forum ufficiale per chiedere spiegazioni, il mio post è stato eliminato senza fornire spiegazioni dopo nemmeno cinque minuti!

Che dire? Basta, ho prelevato tutto e game over.

Per fortuna che i prelievi su PayPal li fanno istantanei, me l’hanno inviato entro 15 secondi.

Inizia il progetto PTM

Vi ricordate l’investimento che mi avevano proposto due mesi fa? Affittare locali+macchinario per arrontondare?

Tutto era quasi andato a monte il mese scorso, quando sono andato a vedere come lavorava il simpatico vecchietto e ho visto che, in modo abbastanza scorretto, stava lavorando a tutto vapore per produrre mesi e mesi di lavoro in “anticipo” per i miei futuri clienti, attirati da un forte sconto.

Quindi, come un cretino, mi sarei trovato senza lavoro per mesi, e magari poi i clienti avrebbero preteso sconti “fuori tutto” come ha fatto lui!!!

Alla fine comunque ci siamo trovati d’accordo economicamente, ed eccomi qua, pronto su questa nuova avventura!

I termini pattuiti: 300 euro al mese per l’affitto di questa stanza + diverse centinaia di euro di materie prime “in omaggio” (ovvero: come rimborso danni). Contratto di locazione regolare con durata 4 anni.

I problemi sono cominciati fin da subito: il vecchietto mi aveva detto “ti insegno tutto io per la fabbricazione” – invece sa a malapena accendere la macchina! La lavorazione era gestita totalmente da quel dipendente che se ne era andato! Ecco perché anche se la lavorazione è “semplicissima”, ha deciso di svendere tutto!

Quindi ho dovuto chiamare quel dipendente e dargli 40 euro per spiegarmi l’utilizzo.

Secondo problema: la lavorazione non è “semplicissima” – le 2-3 ore di “lezione” sbrigativa che mi ha fatto quell’ex-dipendente non mi sono bastate – avrò buttato via una cinquantina di euro di materie prime per fare gli esperimenti! Meno male che erano “gratis”.

La prima settimana quindi è stata così:

Spese:

  • 300 per affitto
  • 40 “lezione”

Gli incassi sono stati ordini piccolissimi:

  • 98 euro
  • 40 euro
  • 10 euro
  • 10 euro

Totale per la prima settimana: incassando 158 euro, devo sperare in almeno altri 182 euro di ordini entro fine mese per andare in pari. Sono ottimista.

Inutile perdere tempo con Bravolinks

Qualche giorno fa avevo scritto che con Bravolinks si fanno molti più soldi rispetto agli altri siti.

Quando avevo iniziato, mi avevano detto che la soglia minima di pagamento era di 30 euro e non mi sembrava una quota impossibile da raggiungere (dopo due settimane sono già a 5 euro)

Come mai ho cambiato idea?

Sono andato a provare a fare un prelievo e ho visto che adesso la soglia minima di pagamento è 75 euro!

Non solo, ma da adesso, dal pagamento viene tolta ritenuta d’acconto e bollo (cioè: fino a ieri evadevano le tasse e ora, per scoraggiare i prelievi preferiscono di no)

Il tutto è reso ancora più difficile dicendo “scrivete un modulo di richiesta come questo” – facendo vedere uno screenshot a bassissima risoluzione non compilabile.

Inoltre bisogna fornire tutti i nostri documenti per la verifica dell’identità.

Considerando che ogni giorno il pagamento massimo sono circa 20 centesimi e che ogni referral affittato, solo per riprendere l’investimento iniziale, dovrebbe fare almeno 35 clic al giorno di media (impossibile!!!), vuol dire che per arrivare al pagamento minimo è necessario un anno intero di noiosissimi clic!!

Tra l’altro, ogni pubblicità deve essere visionata per due minuti! Ho detto visionata, nel senso che il timer si interrompe nel caso in cui la finestra non sia in primo piano! Intollerabile!

Una cosa che mi fa venire un dubbio pesante sull’autenticità delle pubblicità mostrate è che oltre il 90% di esse contengono lo stesso codice di affiliazione: sono tutte pagate direttamente dal gestore del sito! Quindi il flusso di cassa entrante non è positivo!

E se uno pagasse anticipatamente?

Io non ho pagato nulla per abbonamenti premium od altro. Ma se invece avessi pagato? Mettiamo che avessi pagato 210 euro al mese per pagare il Gold + noleggiare 300 referral (al prezzo promozionale di 0,60 € invece di 0,80 €)

0.0015 euro per clic di ogni referral affittato x una media di 18 clic (è quella che ho visto io sul mio account, anche se, secondo me è comunque alta, quando scoprono che il pagamento è irraggiungibile, smetteranno di cliccare)

Ogni giorno ci saranno 0.0015*18*300+0,40 (nostri clic) = circa 8.5 euro al giorno = 255 euro al mese

Togliendo bolli, ritenuta d’acconto e commissioni PayPal, in pratica ci ritroveremmo alla fine del mese con solo qualche euro più di quanto abbiamo pagato. Senza contare eventuali rischi o problemi (es: se un giorno non ci colleghiamo, non incasseremo niente).

In conclusione, c’è solo un modo di fare soldi con Bravolinks: scrivere su un blog “Oddio, con bravolinks si fanno un sacco di soldi!!!11! Iscrivetevi subito cliccando qui: [LINK DI AFFILIAZIONE]” e sperare che qualche pollo clicchi per voi…

Outsourcing? State attenti!

IMG_20141111_083209A lavoro, qualche mese fa mi era venuta un’idea semplice da vendere ai miei clienti. Nulla di complicato, solo un semplice strumento di plastica per impacchettare i regali in modo più carino. Con gli strumenti che ho a disposizione in Italia potevo realizzarla, ma non a un prezzo tale da poter essere venduta con facilità.
Quindi sono andato su Alibaba e l’ho fatta fare ad hoc ad una ditta cinese.
Mi è arrivata la merce, esattamente come mi aspettavo, sono rimasto soddisfatto.
Prevedevo di lanciare il prodotto tra poche settimane, in tempo per Natale, quando stamani mi arriva una mail dal fornitore cinese.
La mail è indirizzata a tutti i clienti (ovviamente messi tutti in chiaro, la privacy non esiste per loro) e dice “novità 2014”: vendono il mio prodotto come se fosse una loro idea!!!!!!!!!!
Senza contare che io ho fatto un ordine “di prova” molto piccolo, quindi il prezzo unitario che ho pagato io era molto più alto di quello che pagano i clienti attuali, perchè sono stato io che ho pagato gli impianti e gli stampi!!!!!
Quindi, adesso ho decine di concorrenti sul che possono lanciare la mia idea sul mercato prima ancora che io l’abbia lanciata per bene, come volevo!
Potete immaginarvi come sono incazzato in questo momento…

Qualche broker ha venduto i miei dati!

Oggi ho ricevuto una telefonata al mio numero di ufficio da parte del +35924812890 (Bulgaria), dove un operatore dall’inglese stentatissimo e quasi incomprensibile mi voleva far aprire un nuovo conto di trading.
La cosa che mi ha fatto rizzare i capelli è: come diavolo sapeva il mio numero di ufficio??? Sono estremamente cauto a fornire i miei numeri e a mischiare cose personali con cose lavorative, chi gliel’ha fornito?
Di solito addirittura quando mi registro a servizi non vitali scrivo un numero inesistente, di cui però tengo nota nel password manager, così nella remotissima eventualità in cui serva effettivamente, mi basta dire che ho cambiato compagnia telefonica e mi hanno dato un numero diverso.
Ho chiesto chi ha fornito i miei dati, mi è stato detto “ho lasciato un biglietto da visita ad un evento di trading” – assolutamente impossibile!!! Ho insistito ma mi ha riagganciato in faccia, richiamando il numero mi dice che è inesistente…
Probabilmente qualche dipendente disonesto ha avuto accesso ai miei dati…
Mi vengono i brividi a pensare con che leggerezza ho mandato le scansioni dei miei documenti ai vari broker…